giovedì 24 Ottobre 2013

C’èrano una volta le estati dedicate ai cantieri per le asfaltature delle strade: oggi ci sono soltanto strade della vergogna

C’èrano una volta le estati dedicate ai cantieri per le asfaltature delle strade. Si potrebbe iniziare così la descrizione della situazione, a dir poco precaria, di molte strade della città e delle frazioni in questo autunno 2013. Una  in particolare di strada dove  è  mai possibile che qualche assessore, qualche consigliere  comunale,  qualche portaborse,  qualche architetto o ingegnere dell’ufficio tecnico del comune di Veroli,  non sia mai passato?  Si tratta della strada che dal bivio di via Aia Cianchetti porta fino alla Chiesa della Vittoria e oltre.  Quel tratto di strada è una vergogna assoluta.  Una vergogna per l’amministrazione comunale, per i cittadini che sono costretti a percorrerla, per le ditte che hanno effettuato i  lavori, è’ una vergogna per tutti!  Quell’arteria comunale vuoi per le condizioni atmosferiche , vuoi per la cattiva manutenzione o ancora per la scarsa qualità del prodotto utilizzato per la realizzazione dell’asfalto, dopo i lavori per le fognature e per il gas metano, è diventata un vero colabrodo, un paesaggio lunare pieno di piccoli e grandi crateri, insomma , quella strada è una vera e propria zozzeria! I motivi dello stato in cui versa la strada in questione sono molteplici ma le cause alla fin fine, hanno un’importanza molto relativa. Il dato di fatto è solo uno: i fruitori della strada spesso si ritrovano ad affrontare fra mille peripezie  uno spostamento con il proprio mezzo, per evitare i tratti più disastrati, e magari ci rimettono anche con un guasto alla macchina,  ogni giorno diventa sempre più difficile percorrere quel tratto di più di un  chilometro e  con l’arrivo della stagione invernale le cose si complicano. Il punto più pericoloso è quello dell’ormai inesistente “ponte novo” come veniva chiamato una volta, perché dopo i lavori per la nuova fognatura i tombini e qualche tratto di asfalto risultano più alti del piano stradale creando due veri  scalini in più punti. Sul lato destro dell’arteria che conduce verso il centro storico  dove tempo fa si scavò per altri lavori, l’asfalto in alcuni tratti e più alto rispetto alla strada, in altri punti invece è più basso e forma una vera conca pericolosa per i mezzi. Chiazze di vecchio asfalto  sono sparse in più parti della strada che con il loro spessore fanno sobbalzare le auto, senza parlare di tante buche profonde che costellano l’intero tratto fino alla Chiesina. Se qualcuno dell’amministrazione comunale vuole  prendersi  la briga di andare a controllare, si accorgerà che quella strada è una vergogna, per questo ci si attende  che al più presto vengano presi provvedimenti con un intervento radicale  su cunette e segnaletica, ma soprattutto  con un tappetino di asfalto nuovo e ben fatto, così, tanto per evitare qualche incidente  grave!

Gianni Federico

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a info@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Offerte valide dal 21 Agosto al 03 Settembre 2019.

SPONSOR

Ecco 13 pagine di prodotti a prezzi strepitosi. Promozione valida fino al 26 Agosto.

Roma

A pochi passi dal Vaticano abbiamo scoperto un luogo che tratta la clientela con una cura eccezionale: The Center of Rome Bed and Breakfast.

SPONSOR

Lo spider più venduto al mondo compie 30 anni. Vieni a provare la vettura oggi stesso da Jolly Auto, concessionaria Mazda per Frosinone e provincia.

SPONSOR

Da oggi presso Jolly Rent Frosinone è disponibile anche sui veicoli commerciali FCA.

Land Rover

Non si tratta di un semplice restyling quello che caratterizza la Land Rover Discovery Sport 2020 in uscita il prossimo autunno.