Costringeva la moglie a fare film porno davanti ai figli poco più che maggiorenni, arrestato dagli agenti della squadra mobile coordinati dal questore Giuseppe De Matteis

La fonte della notizia arriva da “Affari Italiani.it” e non è certamente una bella pubblicità per la ciociaria che di solito viene narrata come terra di santi, di artisti, di uomini di cultura, insomma, una terra che si distingue per la crescita sociale. Invece purtroppo dobbiamo pubblicare una notizia che sconvolge le coscienze perché uno scellerato padre di famiglia, se così si può definire, costringeva la moglie a fare film porno davanti ai figli poco piu’ che maggiorenni.  A finire in carcere infatti con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e percosse e’ stato un operaio residente in un paese in provincia di Frosinone. L’uomo, ossessionato dal sesso, aveva contattato anche persone per effettuare scambi di coppia e avvicinato extracomunitari alla stazione ferroviaria di Frosinone che dietro compenso avrebbero dovuto avere rapporti sessuali con la moglie mentre lui guardava. Il tutto sempre davanti ai ragazzi, terrorizzati e vessati psicologicamente. La denuncia alla polizia di Stato e’ stata presentata dalla Caritas diocesana di Frosinone alla quale la donna disperata si e’ rivolta insieme alla figlia piu’ grande. La denuncia e’ arrivata al culmine di una notte di inferno nel corso della quale l’uomo, all’ennesimo rifiuto della moglie di avere rapporti sessuali con estranei, ha dato fuoco ai mobili di casa e ha minacciato la donna di “farle fare la fine di Melania Rea”. L’ordinanza e’ stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Frosinone ed eseguita dagli agenti della squadra mobile della questura coordinati dal questore Giuseppe De Matteis.

Menu