8 dicembre 2014 redazione@ciociaria24.net

Furti: i turni diurni non bastano più. Ora i ciociari fanno anche “la notte”

I turni diurni per non lasciare la propria casa incustodita non bastano più: ora i ciociari fanno anche i turni per dormire, o, in alternativa, rinunciano al sonno e vegliano insieme sui propri averi. Questo, secondo quanto dichiarato da una signora verolana a Nicoletta Fini de Il Nuovogiorno, è l’ultimo “rimedio” per difendersi dalle irruzioni dei malviventi, che non accennano ad arrestarsi soprattutto nelle zone periferiche della città ernica.

Del resto, non essendoci abbastanza risorse a disposizione per far sì che le forze dell’ordine possano coprire completamente tutto il territorio provinciale, non rimane altro da fare che organizzarsi con rimedi “fai da te” per tenere d’occhio i frutti dei sacrifici di una vita a qualunque ora del giorno. Eloquente, a tal proposito, la sintesi della signora riportata sul quotidiano del capoluogo: «Vediamo spesso le pattuglie dei carabinieri in giro ma il territorio è troppo vasto. Ne servirebbe un esercito di militari».

Per la cronaca, anche la scorsa notte è stata caratterizzata da furti e irruzioni in case private. A Veroli, i malviventi hanno saccheggiato l’abitazione di un noto imprenditore portando via denaro e preziosi per svariate migliaia di euro. A Castelliri, invece, come riportato da Marta Di Cocco su Lr Press, i ladri hanno rapinato una coppia di coniugi minacciandoli con un bastone.

Menu