22 dicembre 2012 redazione@ciociaria24.net

Il derby di Natale tra la Prima Veroli e la FMC Ferentino di Legadue infiamma e inorgoglisce la Ciociaria (di Gianni Federico)

Il derby della Ciociaria di  basket  Legadue che si gioca al Palas di Frosinone tra la Prima Veroli e la FMC Ferentino è un derby inedito, alla sua prima volta a livello professionistico. Le due squadre ci arrivano all’anti vigilia di Natale con pochi punti in classifica e con un ruolino di marcia non proprio edificante. La squadra di coach Marcelletti lo giocherà con l’obbligo di vincere, non solo perchè si tratta di un derby sentito, ma soprattutto perchè finora la squadra giallorossa non ha mai vinto in casa ed ha accumulato un tristissimo 0/6 che fa gridare allo scandalo, non era mai successo nella storia della squadra del presidente Zeppieri, da quando gioca tra i professionisti, di soffrire sei sconfitte consecutive sul proprio parquet e con alcuni risultati anche pesanti e umilianti, per cui Rossetti e compagni un sorriso ai loro tifosi lo devono regalare almeno a Natale. la Prima Veroli nelle ultime tre settimane ha ritrovato un Walker a dir poco effervescente che in cabina di regia sa tenere testa a tutti riuscendo a distribuire assistenze veloci e remunerative e a raggiungere spesso la doppia doppia in termini di punti attaccando il canestro da sotto e con i tiri dalla lunga distanza con molta facilità. La squadra di Veroli però ha un contraltare, Jimmi Lee Hunter, che continua a non essere il giocatore che eravamo abituati a vedere su i parquet italiani, non è più, almeno per il momento, incisivo specie in fase realizzativa come lo vorrebbe la sua fama, l’americano di Menphis in questo derby si gioca sicuramente una chance importante, proprio per evitare che le voci di taglio, sempre più insistenti e forse giuste, diventino realtà. Per il resto Marcelletti si attende una buona prova da Rinaldi e Infante che dovrebbero tornare a giocare con forza sotto le plance, da Jiuevicus che pare tornato ai tempi migliori, mentre Berti e Carenza stanno giocando a fasi alterne. Dall’altra parte la truppa di coach Franco Gramenzi pensa di poter ripetere la vittoria ottenuta nella pre- season con la partita di Coppa Italia, la squadra del presidente Ficchi si è ricaricata dopo il successo di domenica scorsa in casa contro Capo d’Orlando, il secondo in questa stagione, e sogna di fare risultato contro i cugini della Prima Veroli. Per riuscire a fare questo la squadra amaranto conterà su Guarino, l’ex Veroli sa come gestire la sua gara e mettere punti buoni nel carniere, stessa cosa per Gurini, che è sempre stato uomo derby per il suo temperamento, mancherà Righetti fermo ormai fino alla fine del campionato, per cui Gramenzi si affiderà alla vena offensiva di James (anche se a volta off line specie in difesa) e sull’altro USA Ekperigin, il quale continua a fornire prestazioni convincenti, ma anche sul nuovo arrivato, il play ex Scavolini nato a Chicago, Reginald Lamont Hamilton, che domenica scorsa ha debuttato con un certo successo racimolando 14 punti preziosi per la vittoria della sua nuova squadra. Nel quintetto di Gramenzi i titolari vanno sempre in doppia cifra e l’apporto dei giovani Pongetti e Tomassini potrebbe essere determinante ai fini dell’economia della partita che essendo un derby sicuramente sfuggirà a ogni pronostico per antonomasia. E quello tra Veroli e Ferentino non fa sicuramente eccezione, l’unica certezza è che una sola squadra mangerà il panettone in allegria, l’altra invece passerà un Natale triste, naturalmente sotto il profilo puramente sportivo-agonistico. L’impianto frusinate sarà pieno come un uovo per questo primo derby ciociaro di Legadue il quale è affidato ai fischietti: Rossi di S. Sepolcro (AR), Di Toro di Perugia, Boninsegna di Milano, Palla a due alle 18.15 per una gara da vivere fino al fischio finale.

Gianni Federico    

Menu