6 settembre 2012 redazione@ciociaria24.net

Interrogazione di Moraldi al sindaco D’Onorio sulla questione del comandante dei vigili urbani (di Gianni Federico)

Il consigliere comunale del Pdl di Veroli Mino Moraldi, unico della opposizione a far agitare un pò le acque della politica nostrana, pone una nuova interrogazione scritta indirizzata al sindaco Giuseppe D’Onorio per fare chiarezza sulla posizione del comandante della polizia locale verolana Vincenzo Ruggiero Perrino, dopo le note vicende di qualche mese fa su alcune incomprensioni tra il comandante e l’amministrazione comunale. L’interpellanza è stata protocollata nel pomeriggio di oggi e il dottor Moraldi chiede lumi su come stanno veramente le cose a questo punto. «Sig. Sindaco, in seguito alla Sua prot. 19413 del 17-08-2012 ritengo sia opportuno precisare quanto segue. La c.d. “legge Bassanini” da Lei citata come norma per la “divisione delle competenze tra la parte politica e quella amministrativa”, non può esimere la Sua amministrazione da una piena valutazione di quanto scritto dal Sig. Comandante il quale usa termini forti descrivendo “comportamenti evidentemente negligenti e palesemente illegittimi” che si verificherebbero tra gli agenti di polizia locale dentro la caserma di via Gracilia. Giova ricordarLe che stiamo parlando di pubblici ufficiali. A questo aggiungerei che se è vero, come Lei scrive, che comportamenti e disciplina debbono essere valutati dalla Commissione apposita e dalla Delegazione trattante, mi risulta anche che quest’ ultima abbia avuto una serie di rinvii prima di riunirsi alla fine del mese di luglio, stanti i quali diventa difficile avere il polso della situazione, soprattutto in una macchina amministrativa come quella verolana che (me lo lasci dire) fa sempre più acqua nel settore della gestione del personale. Ritiene pertanto di prendere qualche provvedimento, essendo il responsabile principale sia della parte politica che di quella amministrativa? Per quanto attiene all’inamovibilità del Comandante dal ruolo che riveste, avendo vinto il relativo concorso, trovo estremamente castrante per tutta la nostra città dover sottostare alla condizione generale di un dirigente che dovrebbe dirigere un settore dal quale vuole andare via, chiedendo di essere spostato in un altro per il quale non avrebbe le competenze. È una situazione a dir poco kafkiana. Cosa pensa di fare? Sulla competenza del Comandante Perrino Lei mi risponde: “Riguarda solo aspetti tecnici di specifica competenza di ingegneri o figure professionali ad essi equivalenti”. Le chiedo: quanto equivale a questi profili professionali un laureato in giurisprudenza con specializzazione sul teatro moderno? In ultimo, richiamando Lei il regolamento consiliare per la costituzione di Commissioni richieste dal sottoscritto per un’analisi professionale ed accurata di tutta la vicenda, faccio notare come lo stesso regolamento impone al Sindaco di rispondere entro 30 giorni dall’acquisizione al protocollo dell’interpellanza (Articolo 57, punto 6). Per ricevere una Sua in merito (con tanto di denominazione di Spett.le come una ditta, anziché Egr. Consigliere in indirizzo) è stato necessario attenderne oltre 90, con tanto di sollecito scritto senza il quale, molto probabilmente e come è Sua prassi, non avremmo potuto avere alcuna delucidazione». Ci va giù duro il consigliere Moraldi nello scrivere al sindaco D’Onorio per sapere stavolta che tipo di provvedimenti prenderà la sua giunta in merito alla questione del comandante della Polizia Locale che vorrebbe essre spostato in altro ambito comunale. Anche quì dovrebbe prevalere il buon senso, per cui sia il comandante che gli amministratori cerchino di trovare un accordo per sbloccare una situazione che in stallo da diversi mesi e che potrebbe risolvere molote questioni interne che ormai puzzano si stantio. A questo punto si fa appello alla buona fede e alla onestà intellettuale delle parti in commedia, altrimenti diventa davvero tutto una barzelletta sulla quale far ridere mezza provincia. Di questi tempi sarebbe meglio evitare!

Gianni Federico

Menu