La Prima Veroli di coach Marcelletti cade sui legni del PalaCasaleno 84-88 contro una magnifica Givova Scafati che nel finale ha difeso meglio mentre in attacco la squadra laziale si è spenta subendo una sconfitta che brucia.

Partita dai mille volti quella tra la Prima Veroli e la Givova Scafati. La squadra ciociara conquista la palla a due, Rinaldi manovra con Jurevicus poi il lungo va a canestro, gli ospiti si fanno vedere con due liberi di Ghiacci, Veroli risponde subito con la bomba di Marigney (5-2). Entrata di Walker che infila il canestro e subisce fallo ma sbaglia il libero, Scafati manovra con Sorrentino che scarica per Baldassarre ma il lungo commette fallo al rimbalzo con Rinaldi, i laziali sbagliano il possesso , lo fanno pure i campani e Walker manda bruttini a segnare dalla media (9-2) dopo 6’ di gioco. Jurevicus spara la bomba, bruttini fa fallo su Slay, rimessa da lato e un Mays scatenato ottiene due liberi che portano Scafati a 4 punti. Ancora Jurevicus con la tripla nel possesso  la Givova perde palla e Walker si alza ancora da tre per il (18-4), sterile la reazione degli ospiti gialloneri che sbagliano diversi palloni e non difendono bene.   Marigney con due liberi porta Veroli a + 16 (20-4) i due liberi di Mays non fanno arrossire i verolani che  vanno a canestro con Rinaldi, condizioni di pick & roll per Izzo che però riceve fallo e dalla lunetta fa ½, riparte Veroli ma sbglia con Rinaldi, nel possesso Slay ne mette ancora due per il (23-9), Marigney non spreca dalla media, la Givova va a segno con Tavernari, Marcelletti chiama time out poi rimprovera Jrevicus per un errore di schema. Si gioca ancora per 1’ ei il primo parziale termina con il punteggio di 29-15.  La Givova prova a ricucire lo strappo con la tripla di Bushati  e l’affondo di Mays, Marcelletti fa diversi cambi per aggiustare il reparto offensivo, Bartocci mette Rosignoli e Sorrentino  per alzare i centimetri,  il folletto Walker fa una magia e ne mette due (35-22), l’americano poi cerca di ripetersi ma viene fermato dal fallo di Ghiacci, 2/2 dalla lunetta per il nuovo + 13 (37-24) a 5’05 dal riposo. Lotta serrata sotto le plance con i lunghi ma Walker risolve con la solita tripla poi nell’extra possesso Marigney si alza ancora da tre e siamo (44-28), Scafati perde palla e nell’azione arriva la bomba di Jurevicus alla quale fa seguito quella di Walker e Veroli raggiunge il massimo vantaggio (49-28), Ghiacci rompe il digiuno dei campani con due punti, nel possesso Jurevicus lancia un altro siluro da tre punti, la Givova prova ad entrare in area ma perde palla, rimessa, Veroli che perde palla, nel possesso Scafati  mette due liberi con Mays. Arriva il riposo e il punteggio è pesante per gli ospiti campani 52-33. Il terzo parziale si apre con un canestro Ghiacci, Walker commette passi e la Givova riparte con la tripla di Baldassarre, Marignay lotta in area e segna due punti e iniziano a ballare le percentuali al tiro per entrambe le squadre, Rinaldi lotta come un leone e conquista i rimbalzi ma Scafati va ancorada due con Baldassarre e allora Marcelletti chiama ancora time out per correggere qualcosa nella difesa giallorossa che ora subisce un po’ le folate a canestro degli ospiti che recuperano qualche punto (56-45), infatti i campani  tornano  a – 7 (58-53) perché Veroli adesso non difende, poi a rimbalzo Ghiacci ne mette due ma arriva il canestr o di Rinaldi che nell’azione dopo si ripete con una schiacciata (62-57), ancora possesso per i giallorossi che cercano un nuovo allungo e lo ottengono con due liberi di Walker 2/2, ma Ghiacci spara la tripla seguita da quella di Slay e Scafati è ormai a – 2 (64-62) alla fine del parziale, per  Veroli che aveva chiuso metà gara con 18 lunghezze di vantaggio è tutto da rifare.  Ultimi 10’ che si annunciano infuocati, la tripla del sorpasso di Mays fa tremare le gambe ai verolani che ora sono in bambola e vanno sotto di 4 (64-68), Marignay segna da due e nel possesso  Walker  fa impattare la sua squadra 68 pari, ora si gioca punto a punto e il finale è tutto da immaginare. Marignay si alza da tre  e i laziali tornano al comando (71-68), Bushati sbaglia la tripla poi Slay commette passi  ma Veroli perde palla, Baldassarre con la tripla rimette tutto in parità poi lo stesso Baldassarre da due.  Si gioca ormai con le mani addosso  ma Walker lancia la bomba del (74-73) ma ormai in campo si assiste ad una lotta affannosa in torno e dentro l’area colorata, Rinaldi commette il suo secondo fallo personale, dalla lunetta Slay fa 2/2 e siamo ancora in pariità, poi Baldassarre ne mette altri due  e un pasticcio dell’arbitro  Boscolo produce un’azione verolana con Berti che impatta ancora (77-77) a 1’31 dalla fine. Si gioca di forza e di mestiere per la squadra campana che vede la possibilità di fare il colpaccio in ciociaria con 4 punti di vantaggio a 1’11 dalla sirena. Una serie di triple per ambedue le formazioni portano alla vittoria di Scafati 84-88 che nel finale ha giocato  e difeso decisamente meglio dei verolani e del loro coach Marcelletti che non ha saputo gestire una partita già vinta. Per i laziali un’altra brutta sconfitta casalinga, l’ennesima di una stagione nata male  che si sta chiudendo ancora peggio.

VEROLI: Stirpe ne, Battaglia ne , Savo ne, Jurevicus 23, Walker 25, Bruttini 2, Rinaldi 11, Carenza, Rossetti, Berti, Marignay 23. Coach Marcelletti.

 

SCAFATI: Mays 17, Vitale ne, Bushati 8, Matrone ne, Tavernari, Baldassarre 21, Izzo 3, Sorrentino, Rosignoli 8, Ghiacci 22, Slay 4. Coach Bartocci.

 

Arbitri: Caroti, Boscolo, Pecorella.

 

Parziali: 29-15, 52-33; 64-62, 84-88.

 

Note:  Veroli  2p. 16/36, 3p. 10/20, tiri liberi 22/24. Rimbalzi 21/32 –  Scafati 2p. 25/36, 3p. 9/27, tiri liberi 11/17, rimbalzi 22/30. 

Gianni Federico

Menu