16 febbraio 2013 redazione@ciociaria24.net

La Prima Veroli ricomincia dal Palas contro l’Upea Capo d’Orlando per cercare di rilanciarsi in chiave play off (di Gianni Federico)

Parte anche la 19ma giornata (quarta di ritorno) del campionato di basket di Legadue con un’altro anticipo, dopo quello di venerdì tra la Giorgio Tesi Group Pistoia e la Biancoblù Bologna finito con la vittoria della squadra di coach Pozzecco. Al Palas di Frosinone c’è la sfida tra la Prima Veroli, penultima in classifica a 12 punti in condominio con la Fileni Jesi, e la Upea Capo d’Orlando, quart’ultima a 14 punti, due ex regine deluse che avrebbero dovuto fare la parte del leone e invece sono incappate in una stagione tutta da dimenticare.La squadra del prof. Marcelletti, che proviene da 4 ko nelle ultime cinque partite con un cammino assai incerto anche nelle gare casalinghe e da inizio stagione con solo 3 vittorie nelle 9 gare fino a questo punto disputate perdendo consecutivamente le prime 6 con un parziale di 3 di fila nelle ultime 3, sicuramente partirà con l’idea, almeno si spera, di fermare con ogni mezzo la rincorsa della squadra siciliana anche in chiave rimonta per i play off. La squadra giallorossa attualmente è a – 4 dalle prime otto mentre l’Upea di coach Pozzecco è in ritardo di 2 punti, due posizioni imbarazzanti che non rispecchiano il loro blasone, ma che parlano a favore della squadra isolana che dopo l’arrivo del nuovo tecnico ha chiuso una striscia positiva di 7 vittorie in 11 gare rimanendo imbattuta nel girone di ritorno con 3/3 contro Scafati, Bologna e Casale. La Prima Veroli è risaputo che è squadra che non difende e confida soltanto nelle impennate di Walker e nella buona vena di Paul Lester Marigney. Il piccolo furetto giallorosso, spesso messo in discussione per le troppe, tante scivolate sul parquet, ha del talento che ancora non riesce a sprigionare e si troverà di fronte uno dei giocatori più in vista della legadue, Battle, ma Walker dovrebbe essere anche uno che dovrebbe dare il ritmo alla squadra per mettere Jurevicus e lo stesso Marigney di poter sfruttare al meglio le loro doti offensive. Ma è tutta la squadra verolana che deve a tutti costi darsi una scrollata e prendere la scossa per ripartire alla grande e con continuità! Già, la continuità, un ingrediente che la Prima Veroli non ha mai usato in campionato e sarebbe ora di farlo perchè si, è vero che non si retrocede, ma la squadra, la società, il suo allenatore un po’ di dignità devono pur averla da qualche parte. Per quanto concerne invece l’Upea capo d’Orlando, dopo aver gestito bene l’infortunio di Passera, grazie anche ad un Mathis all’altezza della sua esperienza, sotto canestro i siciuliani possono contare sull’atletismo di George assai continuo e un Mason altalenante ma dal talendo che non si mette in dubbio e poi c’è Poletti e l’energia di Portannese, ma anche l’esperienza di capitan Benevelli. I lunghi italiani di Veroli dovranno domare tutti questi “santoni” nell’arco di una partita che sarà imprevedibile ma per la quale gli aspetti psicologici possono giocare un ruolo importante. Si comincia alle 20,30 con gli arbitri designati: Bartoli di Trieste, Scrima di Catanzaro, Nicolini di Bagheria (PA).

Gianni Federico

Menu