5 dicembre 2012 redazione@ciociaria24.net

La Sezione di Veroli dell’Associazione Nazionale Carabinieri si riunisce in Assemblea per il rinnovo del Direttivo (di Gianni Federico)

Per il prossimo 9 dicembre 2012 è’ stata convocata l’Assemblea dell’Associazione Nazionale Carabinieri della Sezione di Veroli che dopo la discussione di alcune regolamentazioni interne sarà chiamata a rinnovare il proprio Direttivo che dopo cinque anni di incarico, pieno di impegni ma anche di soddisfazioni ha terminato il suo mandato. Il Presidente uscente Mario Pomente, unitamente al segretario Franco Fiorini e a tutti i componenti il vecchio direttivo, ha predisposto tutto quello che era necessario fare per convocare l’assemblea alla quale sono invitati a partecipare tutti i soci e dalla quale verranno fuori i nomi dei candidati alle nuove votazioni che si svolgeranno una settimana dopo. Quello dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Veroli è un momento importante, gli iscritti sono 110 , nel corso degli ultimi cinque anni il direttivo ha lavorato intensamente impegnandosi per raggiungere traguardi importanti soprattutto per l’impegno nel sociale. Infatti l’Associazione Nazionale Carabinieri, che oggi aggrega carabinieri in servizio, in congedo ed i loro familiari in quella che è sentita la grande famiglia dell’Arma, venne costituita a Milano il 1° marzo 1886 con la denominazione di “Associazione di Mutuo Soccorso tra congedati e pensionati dei Carabinieri Reali”. Nella sua formulazione originaria lo statuto prevedeva, tra l’altro di : erogare sussidi ai soci ammalati; interessarsi al fine di procurare lavoro o impiego ai soci disoccupati; onorare i soci deceduti; prendere parte a tutte le cerimonie o feste che esaltano la fede la grandezza della Patria e delle Istituzioni; tenere il massimo contatto e la massima cordialità con le altre associazioni; mantenersi estranei da attività politiche. Ai tradizionali scopi associativi di un tempo oggi se ne sono aggiunti dei nuovi: l’impegno sociale nelle varie forme di “Volontariato”; le iniziative nel campo culturale, ricreativo e sportivo (convegni, raduni, tornei ecc.); i corsi di qualificazione e formazione al fine di facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro. La sezione di Veroli fa sapere che possono partecipare tutti i soci in regola con il pagamento della tessera, la seduta dell’Assemblea verrà aperta dal socio effettivo presente più elevato in grado o più anziano nel grado che ne assumerà la presidenza. L’ordine del giorno è il seguente: 1) compilazione della lista dei candidati da eleggere: 9 consiglieri più 2 riserve.- 2) Programmazione elezioni per rinnovo cariche sociali (data e orario). – 3) Nomina della commissione di scrutinio (composta dal presidente e 2 membri scelti dall’assemblea). In Italia il sodalizio oggi è costituito da: 1673 sezioni sparse sul territorio nazionale; 27 sezioni invece sono all’estero: In Canada (Montreal, Ottawa, Toronto, Vancouver, Calgary), in Brasile ( San Paulo, Valença), in Uruguay(Montevideo), in Argentina(Buenos Aires, Rosario), in Australia ((Adelaide, Perth, Sydney, Melbourne), in Gran Bretagna (Londra), negli USA (New York, Boston, San Francisco, Miami), a San Marino, in Francia (Parigi), in Belgio (Bruxelles),in Sud Africa (Johannesburg), in Svizzera (Lugano, San Gallen, Ginevra), in Polonia (Varsavia). Ci sono 155 nuclei di protezione civile; 350 gruppi di volontariato (gruppi di fatto); oltre 200.000 soci (di cui circa 1.200 all’estero) in congedo dell’Arma, familiari o simpatizzanti; oltre 115.000 carabinieri in servizio carabinieri in servizio (il Comandante Generale dell’Arma, a norma dell’articolo 1 dello statuto, è Presidente onorario dell’Associazione).

In queste cifre stanno le potenzialità di un’Associazione che ha saputo creare negli anni un’indiscussa credibilità riconosciuta a tutti i livelli. Le cariche sociali sono tutte elettive, gratuite e vengono assunte su base volontaristica.

Gianni Federico

 

Menu