L’Amministrazione Comunale di Veroli ha attivato le procedure per la disponibilità a svolgere lavoro di natura occasionale

L’Amministrazione Comunale di Veroli ha attivato le procedure per acquisire anche per quest’anno la disponibilità a svolgere lavoro di natura occasionale. L’avviso pubblico è stato pubblicato questa mattina e tutti coloro che potranno presentare la domanda di partecipazione alla selezione la potranno presentare entro e non oltre le ore 12.00 di lunedì 22 aprile 2013. Il numero massimo di 40 persone svantaggiate residenti in Veroli, le cui tipologie di precarietà sociale sono elencate nell’avviso pubblico reperibile insieme al modello di domanda tramite l’albo pretorio on line che il Comune ha attivato sul sito www.gazzettamministrativa.it – link albo pretorio Comune di Veroli, saranno utilizzate nel periodo 01/05/2013 – 15/09/2013 nei seguenti lavori: – giardinaggio, pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti, patrimonio naturale; – servizi di supporto ad esigenze del settore cultura, manifestazioni sportive e di controllo e presidio degli accessi al centro storico. “L’Amministrazione – dicono il Sindaco, Giuseppe D’Onorio e l’assessore ai Servizi Sociali, Egidio Lombardi – ha voluto fortemente ripetere l’esperienza dello scorso anno perché impegnata a dare risposte concrete di carattere sociale mentre la politica nazionale è impantanata e non riesce a percepire i reali bisogni delle famiglie. L’intervento è, infatti, prettamente sociale ed è finalizzata a contribuire a sollevare le famiglie di Veroli in forte difficoltà da particolari disagi”. Le prestazioni saranno da svolgersi in accordo con il Comune di Veroli, nei giorni e negli orari stabiliti dall’Ente. Trattasi di attività di natura occasionale con diritto a una quota forfettaria di rimborso spese mensile di Euro 500,00. omnicomprensiva, con regime fiscale della prestazione occasionale. I suddetti lavoratori saranno coperti da eventuali rischi con assicurazione a carico dell’Ente utilizzatore.
I requisiti per poter partecipare prevedono, tra l’altro, di rientrare tra le seguenti categorie
a) residenza nel Comune di Veroli;
b) età non inferiore a 18 anni;
c) cittadinanza italiana, od appartenenza all’Unione Europea, o nel caso di cittadino extracomunitario
possesso del titolo di soggiorno che consenta lo svolgimento dell’attività lavorativa, compreso quello per
studio, o (nei periodi di disoccupazione) in possesso di un permesso di soggiorno per “attesa
occupazione”; d) rientrare tra le seguenti categorie: − coloro che godono di assegno ordinario di invalidità e pensione agli invalidi civili; − studenti con un’età uguale o inferiore a 25 anni (età minima 18 anni): regolarmente iscritti ad un
ciclo di studi; − percettori di prestazioni integrative del salario o sostegno al reddito: cassintegrati, titolari di
disoccupazione ordinaria, disoccupazione speciale per l’edilizia, i lavoratori in mobilità ed i
lavoratori sottoposti a regime di CGS; − altre categorie: inoccupati, disoccupati e casalinghe.
e) immediata disponibilità al lavoro richiesto;
f) idoneità fisica al servizio assegnato;
g) non essere stati destituiti o sollevati da incarichi per inadempienze o dispensati dall’impiego presso una
qualsiasi pubblica amministrazione;
h) godimento dei diritti politici;
i) non avere riportato condanne penali e non avere in corso procedimenti penali pendenti;
j) assenza di contenzioso con il Comune di Veroli.
Tenuto conto delle finalità esclusivamente sociali dell’avviso e al fine di far ruotare i soggetti in graduatoria utile, è stato stabilito che l’apposita Commissione esaminatrice incaricata di selezionare le domande, non
prenderà in considerazione quelle dei soggetti che hanno svolto nell’anno 2012 lavoro di natura occasionale per conto del Comune di Veroli unitamente a quelle di coloro che, pur non avendo beneficiato di tale intervento nel 2012 , fanno parte dello stesso nucleo familiare dei soggetti che lo hanno
svolto e, quindi, hanno già usufruito dei benefici sociali dell’avviso. Lo stesso criterio varrà per le persone e dei loro conviventi che hanno usufruito nel 2012 in questa parte del 2013 di benefici economici finalizzati al sostegno familiare o al pagamento di bollette varie. Come pure, del medesimo nucleo familiare, verrà considerata in graduatoria la domanda con maggiore punteggio. “Come si vede – concludono il sindaco D’Onorio e l’assessore Lombardi – il Comune ha cercato di intervenire socialmente per dare riposte a bisogni concreti. Sicuramente sarà insufficiente l’intervento perché anche sul nostro territorio la crisi sociale è molto elevata. Tuttavia crediamo che il nostro impegno verrà apprezzato dalla nostra cittadinanza”.

Menu