20 febbraio 2013 redazione@ciociaria24.net

Alcune realtà e istituzioni sono state dimenticate

Un nostro lettore ci scrive una lettera aperta e accorata su alcune realtà della città di Veroli che nel tempo sono state dimenticate e che invece erano istituzioni che hanno dato lustro alla città. Franco Fiorini, ex sindacalista e membro dell’Associazione Carabinieri in congedo sezione di Veroli, ci riferisce di alcune questioni che hanno contribuito a far decadere la città: < Quei Cittadini Verolani, amministratori e non, che tra’ gli anni 70-80 hanno contribuito in modo negativo a far rimanere la nostra’ citta’ senza Ospedale (l’Umberto I che vediamo nella foto), Curia Vescovile, Pretura, Carceri, Ufficio Imposte e tante altre istituzioni andate via da Veroli, non tutti li ricordano! Io molti li ho conosciuti, alcuni non sono più tra noi, altri per fortuna ancora in vita girano in piena liberta’, ma sembra non abbiano nessun tipo di rimorso e magari oggi si vantano di essersi spesi per evitare quei disatri, che oggi ci fanno rabbrividire. Chi invece ha contribuito in questi ultimi 15-20 anni, politici e Industriali, a cancellare lo sport ed i relativi impianti, ( il calcio e la palla a volo in particolare) li abbiamo quasi tutti davanti ai nostri occhi. A loro che non hanno avuto un minimo di onesta,” umana ed intellettuale, diciamo che dovranno rendere conto alla comunità per i loro errori e che salvo decisioni “Divine” improvvise, dovranno scontare i loro peccati dovuti alla non capacità politica, davanti alle coscenze di chi ha creduto in loro per diverso tempo ma alla fine e’ stato deluso e tradito. Ma veniamo agli esempi: mentre nel primo caso vennero tolte attivita’ e servizi utili, che nella nostra bella città erano efficienti e funzionali causando tutto quello sfascio sociale a cui abbiamo assistito; per quello che invece concerne il caso dello sport in generale invece, tranne la realtà del basket in Legadue che però mi sembra in parabola discendente, c’è stato il danno e la beffa compiuti ad arte, con maestria quasi criminosa e a spese di tutti i Cittadini che stanno assistendo al funerale dello Sport a tutti i livelli. Il PalaCoccia per esempio: un palazzetto ristrutturato una prima volta ( giunta Campanari) con la “modica cifra di 3.500.000 euro (7 miliardi) e il tentativo ora di ampliamento (Giunta D’Onorio) con la identica somma, Impianto che ora e’ fermo e lo restera’ per sempre a mio avviso, fa da contraltare un Polivalente abbandonato a se stesso da decenni, usato da tanti abusivi e non, curato e gestito da nessuno, un’opera costata negli anni 90 tanti soldoni, ma mai completata interamente, e mai fatta decollare per bene.Sicuramente qualcuno scuotera’ le spalle e dira’: “ma ormai e’ storia vecchia e risaputa che vuoi farci?”. La Storia e’ la fondamenta della civilta’ di un popolo, senza di essa nessuno sarebbe niente, noi pero’ stiamo cadendo in quel baratro, e chi (come me) non avra’ piu’ l’eta’, la forza, la spinta per ricordare e denunciare certi abusi del passato, lascia la risoluzione il problema a una popolazione che non sapra’ piu’ da dove iniziare, a ricordare capire, e fare, perche’ il libro del passato verra’ chiuso da chi con il suo ” non fare” ha voluto cancellarlo per sempre. Io pero’ dopo aver piu’ volte negli anni sollevato il problema, senza pretese o speranze, non voglio rientrare nel merito cercando ancora i colpevoli, ma a quelli che verranno dopo di noi dico solamente che se non oseranno di piu’, e non avranno coraggio di reagire, saranno costretti a ritornare a rivisitare e a far rivivere (per poter vivere loro) quei luoghi e quelle cose che la “Storia” ci aveva consegnato per poterla difendere e conservare, cosa che noi purtroppo presi dalla “modernita” non abbiavo voluto e a volte potuto fare. In questo periodo, tempo di votazioni per le politiche, in giro per fortuna ci sono pochi politici o pseudo tali, si parla poco, le distanze aumentano, speriamo in governanti piu’ capaci e meno interessati ai propri scopi.Anche l’anno prossimo si voetrà a Veroli per le comunali e io sono fiducioso perchè Veroli ha le radici forti e’ ben piantata e protetta dalle montagne, La Storia potranno offuscarla un po’ ma insieme alla Cultura non ce la toglie nessuno, Lo Sport con pazienza e sacrifici tornera’ ad essere quello da me sempre consigliato e auspicato, cioè ” a misura di paese “>.

Menu