lunedì 31 Marzo 2014

Senza un candidato credibile e aggregante il centrodestra verolano è destinato all’ennesima sconfitta elettorale alle amministrative di maggio

Con l’avvicinarsi della data delle elezioni amministrative, fissate per il 25 di maggio insieme alle europee, le coalizioni di centrosinistra e di centrodestra che si contendono la conquista di Palazzo Mazzoli, sono in pieno fermento permeato però da tanta confusione che i cittadini ancora non riescono a comprendere. Almeno per quello che leggono sui giornali o attraverso alcune dichiarazioni dei vari esponenti di partito o  lista civica.  Della situazione  politico-elettorale  del centrodestra di Veroli torna a parlare anche l’esponente che più di ogni altro durante questi anni si è dato da fare, insieme al collega consigliere dott. Mino Moraldi, per tenere in piedi il Popolo della Libertà prima e Forza Italia dopo, si tratta del dott. Mario Marani che è stato anche il primo a fondare il Club Forza Italia a Veroli.  Il centrodestra verolano è ormai spaccato, tuona Marani, che lancia anche una sorta di ultimatum sia ai vertici che alla base del partito. Ma il dottore è ancora disposto, nonostante tutto,  a riorganizzare la coalizione e per questo lancia l’ennesimo appello con la speranza che sia raccolto da qualcuno che conta e che possa cambiare il trend negativo. –  < Serve unione di intenti e un nome in grado di rappresentare tutta la coalizione – dice Mario Marani – manca meno di un mese alla chiusura delle liste e il centrodestra rischia di arrivare alle urne senza un rappresentante comune. Mentre all’interno di Forza Italia continuano a contendersi lo scettro, il Nuovo Centro Destra è ormai definitivamente passato dalla parte degli avversari, come sta facendo al governo centrale senza pudore. In mezzo a tanto caos, invito nuovamente tutti alla calma e alla riflessione pera trovare una soluzione che metta d’accordo l’intera coalizione. Tutti si stanno dedicando al nuovo gioco, quello di fare il candidato sindaco per poi aspirare, al massimo, al ruolo di consigliere, questo è l’intento di molti che sanno di non poter mai arrivare alla poltrona più alta – prosegue Marani – e tenendo conto della spaccatura interna al centrosinistra, diviso tra Campanari e Cretaro, questo sarebbe il momento il quale ora più che mai si potrebbe tentare  una rimonta vincente se solo ci fosse quella unità di intenti che una volta erano pane per il partito. Per questo è inutile ogni forma di protagonismo che poco interessa ai cittadini di Veroli: non ci si candida per spartirsi le poltrone!. Ma il messaggio che tutti stanno facendo  passare è proprio questo: un inutile e dannoso tutti contro tutti pur di salire a Palazzo Mazzoli per fare bella mostra di se e dire” sono sindaco, oppure assessore, oppure consigliere ”. Ma a vantaggio di chi?  Si continua a litigare sacrificando l’unità dell’intera coalizione  – conclude Marani –  un modo di fare che ci porterà dritti alla sconfitta.  Manca, in realtà, una persona aggregante e mi rendo anche conto che ad un mese dalla chiusura delle liste sarà difficile  trovarla. Ma almeno proviamoci! Per questo il mio invito è di continuare a cercare per non mandare in fumo il lavoro di questi anni che, silenziosamente ma attivamente, hanno compiuto molti rappresentanti e simpatizzanti del nostro gruppo. Manca anche un coordinamento forte dall’alto e le mancate primarie interne a Forza Italia che avrebbero dovuto svolgersi sabato scorso 29 marzo, sotto l’egida dei vertici di partito, ne sono la prova lampante. Per il bene di Veroli  sono pronto a mettere da parte le mie personali idee politiche ma a lavorare per un successo che potrebbe essere alla portata se la coalizione di centrodestra si riunisse. Sarebbe sicuramente vincente! >. Lo sfogo del dott. Marani è legittimo e sacrosanto, anche perché  Forza Italia a Veroli si può paragonare a un flipper in cui la pallina sembra schizzare in ogni angolo e compie grandi giri in cui tante luci e segnali si accendono, ma alla fine il totalizzatore di punti segna un magro bottino. Il cittadino osservatore  sta rimanendo di sicuro spiazzato dalla partita strana che da mesi sta giocando il centrodestra, in particolare Forza Italia, verolano sul candidato a sindaco. Roba da mal di testa che va ben oltre la comprensibile complicazione che ogni scelta politica si porta appresso. Ma i cupi rumori di sottofondo, gli stati d’animo in fibrillazione, le beghe interne e le invidie, non promettono niente di buono per il centrodestra verolano, destinato ancora una volta a fallire l’appuntamento con la storica svolta amministrativa di Veroli. Così, soltanto per smania di protagonismo!

Gianni Federico

SPONSOR

Una vastissima scelta, più di quattrocento vetture in esposizione.

SPONSOR

Nel nuovo punto vendita, situato in via Casilina Sud km 142, troverete sia il nuovo Peugeot e Toyota che l'usato plurimarche.

ASL di Frosinone

I pazienti inviati da Ospedali o da Medici di Medicina Generale possono accedere alle Unità di Degenza Infermieristica in h. 24

SPONSOR

Vieni a provare la vettura oggi stesso presso Jolly Automobili, concessionaria Peugeot per Frosinone e provincia, S.S. Monti Lepini km 6,600.

Nuova Range Rover Evoque

Nuova Range Rover Evoque: scoprila da X Class, concessionaria Land Rover per Frosinone e provincia. Ti aspettiamo presso il Gruppo Jolly Automobili, SS 156 Monti Lepini km 6.600.

AVIS

Raggiungici oggi stesso nelle sedi di Frosinone, S.S.156 Monti Lepini, Km 6.600, e Sora, Via Baiolardo, 63, per elaborare insieme la soluzione ideale per le tue esigenze professionali.

Land Rover

Ti aspettiamo oggi stesso presso X Class, SS dei Monti Lepini km 6.600, presso GRUPPO JOLLY AUTOMOBILI, a poche centinaia di metri dal casello autostradale di Frosinone.

MAMA H24

400 famiglie ci hanno già scelto. In tutta la provincia di Frosinone, e non solo, il nostro servizio è ormai un punto di riferimento per chi ha bisogno di assistenza h24. Vi spieghiamo perché.