Si è insediato il nuovo consiglio comunale di Veroli: il sindaco Simone Cretaro ha presentato la squadra degli assessori

“ Sono onorato di assumere questo incarico ed il mio pensiero è dedicato ai miei predecessori, al sindaco D’Onorio e ai membri della passata amministrazione di cui mi onoro di aver fatto parte. La mia presenza sullo scranno più alto non è un traguardo ma il punto di partenza per partire e lavorare  per il bene della nostra città”. – Con queste parole ha esordito  il neo sindaco Simone Cretaro, in un’aula consiliare gremita, vincitore indiscusso delle elezioni comunali dello scorso 25 maggio,  che  nel primo consiglio comunale dove si è convalidata  anche l’elezione dei consiglieri e il giuramento del primo cittadino, ha spiegato come si è arrivati alla vittoria finale e il programma , a grandi linee, che con la sua nuova squadra si accinge ad affrontare per risolvere diversi problemi che attanagliano la città e il territorio. La squadra dei cinque assessori che affiancheranno il nuovo sindaco, per un lavoro di cinque anni si spera proficuo per Veroli, è composta da:  Luca Renzi (Cittadini di Veroli), Orlando Rotondo (Impegno Civico), Alessandro Viglianti (PDV), Cristina Verro (PDV),  e Barbara Crescenzi ( Cittadini di Veroli),  ai quali nei prossimi giorni verranno assegnate le deleghe. La presidenza del consiglio comunale è stata assegnata ad una vecchia conoscenza della politica verolana, Giuseppe Mignardi, una persona sicuramente affidabile che per tanti anni ha militato nelle file della Democrazia Cristiana e andreottiano doc, per poi cambiare nel corso degli anni fino ad approdare nel Partito Socialista. Quindi sarà lui a dirigere l’orchestra e l’organizzazione dei futuri  consessi comunali magari dando sani consigli alla nuova giunta facendo leva sulla sua esperienza.  Nel discorso di insediamento il sindaco Cretaro ha detto tra l’altro che tra le priorità c’è quella di modernizzare la macchina comunale e quella del risanamento ambientale, un fatto che viene visto attraverso la revisione del Piano Regolatore Generale. C’è poi da  valorizzare il patrimonio artistico-monumentale con un occhio particolare alla scuola verso la quale l’amministrazione riserverà diverse energie e tante risorse, perché ha sottolineato Cretaro: “ E’ dalla scuola che si forma la società del futuro e dalla scuola non può essere escluso nessuno. Per questo istituiremo borse di studio per coloro che le meriteranno”.  Il neo sindaco ha poi augurato il buon lavoro a tutti i consiglieri chiedendo loro la massima collaborazione,  con un riferimento esplicito anche agli uomini dell’opposizione di centrodestra. – “ Mi assumo una grande responsabilità – ha concluso Cretaro – ma sono consapevole che avrò tanta collaborazione  da parte di tutti per la rinascita della nostra città e del territorio. Tutti i cittadini sono chiamati a collaborare perché da loro arriva la domanda di cambiamento, per cui con la collaborazione di tutti sono sicuro che ce la faremo”. Dunque un primo consiglio comunale all’insegna delle emozioni per i nuovi volti e tra  buoni propositi che si spera diventino realtà assoluta per l’amministrazione presieduta  dal giovane avvocato verolano  eletto sindaco e che dovrebbe trascinare la città fuori dallo stagno in cui si trova.

Gianni Federico

Menu