Veroli-INchiostro ROSSO, aperitivo con l’arte

INchiostro ROSSO, aperitivo con l’arte, l’aperitivo con arte. MatericaMente diventa occasione di incontri, un viaggio attraverso i cinque sensi dove ad essere gratificata non sarà solo la vista. Dopo il successo di INchiostro BLUes, Treperuno accoglierà i visitatori con un aperitivo nella splendida cornice del Chiostro di Sant’Agostino. Questa volta però sarà il rosso, simbolo della passione, il colore dominante dell’evento. Un aperitivo che diviene “L’aperitivo” perché magistralmente preparato, non con l’improvvisazione, bensì con l’arte e la cura di chi da anni opera nel settore con serietà, competenza e professionalità, anche in contesti internazionali. “L’aperitivo”, che vivrà il suo esordio all’interno del Chiostro, sarà organizzato da Domus Hernica e da Hotel Relais Filonardi, in collaborazione con Area c quotidiano e sarà l’occasione per passeggiare lungo il percorso espositivo in compagnia dei tre artisti protagonisti della mostra: Rita De Luca, Roberta Fanfarillo e Paolo Gaetani che accoglieranno quanti vorranno trascorrere una piacevole serata all’insegna dell’arte e della passione. Appuntamento il prossimo 16 luglio alle 19,30. Ingresso libero.

Continua intanto a riscuotere consensi di pubblico Treperuno. L’arte di De Luca, Fanfarillo e Gaetani incanta gli spettatori che già in tanti si sono recati in visita al Chiostro di Sant’Agostino per ammirare capolavori unici nel loro genere. Opere dove la materia l’elemento chiave. Tre tocchi diversi, tre modi di interpretare l’arte attraverso la bellezza delle forme e dei contenuti. Da una parte la femminilità e le tinte accese di Roberta Fanfarillo che con i suoi ritratti di donna così sinuosi e quasi impalpabili riesce a trasmettere emozioni profonde. Dall’altra la mascolinità dei dipinti di Gaetani, dipinti che richiamano i colori della terra, dell’autunno e della natura in generale con i suoi ritratti di paesaggi che diventano piccoli angoli di paradiso dove abbandonarsi all’immaginazione. Tra i due pittori c’è poi l’arte prettamente materica di Rita De Luca le cui sculture richiamano lidea dell’infinito ben rappresentato anche nelle forme flessuose e mai violente. Tre modi di fare dell’arte il solo comune denominatore.

Menu