Veroli: La musica popolare italiana, quella che abbiamo nel cuore, torna per nuove emozioni e innovazioni

Torna la musica che più amiamo di più, quella che  entra e arriva fino in fondo al nostro cuore e lo fa battere di emozioni. Torna “ Ernica Etnica “ la rassegna di musica della tradizione popolare italiana giunta ormai alla sua XV edizione grazie all’intuizione del direttore artistico Giuseppe Gennaro, verolano doc, che in Rai è l’autore,  insieme a Osvaldo Bevilacqua, della fortunata trasmissione “ Sereno Variabile “.  Giuseppe è un collega che si è fatto da solo ed è arrivato al successo senza forzature, solo con la sua intelligenza, la preparazione e la serietà professionale. Prepariamoci allora  a vivere tre  giorni di emozioni, di tradizioni e di innovazioni, tra venerdì, sabato e domenica prossimi la musica popolare italiana invaderà le strade e l’accogliente Piazza Santa Maria Salome del borgo verolano per tre concerti di gruppi musicali di altissimo livello. Quello di venerdì 18 luglio alle ore 21 del gruppo: “ Giardino della Pietra Fiorita” che segna il ritorno assai gradito sulla scena verolana di Alessandro Parente legato alla tradizione dell’organetto ma con qualche novità per gli spettatoti. La serata di sabato 19 luglio apre alla tradizione della musica popolare napoletana con l’esibizione della storica “ Tammurriata di Scafati “ guidata da Antonio O’ Lione e dal maestro Nando Citarella che faranno muovere il pubblico con tarantelle, tammurriate, serenate e macchiette. La serata conclusiva, quella di domenica 20 luglio, vedrà l’esibizione per la prima volta a Veroli l’esplosiva “ Orchextra Large “ un numeroso Ensemble che raggruppa alcuni dei più valenti musicisti per un’esplosione di musica  della World Music Italiana.  “ Ernica Etnica inizia il suo viaggio del 2000 – ha detto il sindaco Simone Cretaro – ideata dal nostro concittadino Giuseppe Gennaro, autore di “ Sereno Variabile “, per riscoprire strumenti e suoni antichi, a volte desueti, che rimandano fedelmente a profumi e immagini della memoria”. –  Il confronto e l’incontro dunque, di questo parla il primo cittadino della città Ernica, delle diverse tradizioni in un unico luogo, quello delle piazze verolane, cornici suggestive nelle quali avviene il riconoscimento di quel substrato comune di culture lontane nello spazio e nel tempo. –  “ Sono tutti musicisti di altissimo valore – ha dichiarato il direttore artistico Giuseppe Gennaro –  insostituibili e preziosi portatori di quel meraviglioso e ineguagliabile patrimonio artistico e culturale costituito dalla musica popolare, uno dei beni immateriali di cui è intessuta la trama della cultura della nostra Italia e che vanno riscoperti e rivalutati. – Gennaro poi conclude – “ Un sincero ringraziamento  ai colleghi della stampa per il loro contributo alla promozione dell’evento e un sentito apprezzamento al neo eletto sindaco Simone Cretaro e all’amministrazione del comune di Veroli che anche quest’anno hanno dato fiducia e sostegno a Ernica Etnica ”. –  Negli anni all’evento musical-popolare si sono aggiunte l’enogastronomia e l’artigianato che saranno presenti nella tre giorni verolana con gli stand grazie all’impegno della Pro Loco e del suo presidente Luciano Trulli. Ma le serate di Ernica Etnica sono state anche un volano per la valorizzazione della città, con i suoi scorci, i suoi vicoli, il suo patrimonio artistico e culturale. La riscoperta delle caratteristiche del borgo, dello spirito dei luoghi e della sua identità. L’incantevole scenario del centro storico di Veroli in questi anni è diventato il palcoscenico ideale per ascoltare i suoni delle terre che hanno scritto la tradizione della musica popolare italiana. Un palcoscenico, quello di Piazza Santa Salome, che con il suo balcone naturale che si affaccia sulla Valle del Sacco, ospita una chermesse di livello da lasciare in eredità alle giovani generazioni affinchè dalla storia, all’arte, all’archeologia e dalla cultura del passato trovino le adeguate motivazioni per contribuire a continuare a sviluppare questo nostro importante territorio, intriso di date storiche e di tradizioni che non devono scomparire, per nessun motivo!

Gianni Federico – Veroli24Network

Menu