Veroli, l’affondo di Lombardi: «Cretaro ha dovuto accontentare le liste»

«E’ anomalo che vengano nominati gli assessori senza assegnare le deleghe – ha affermato Egidio Lombardi – Questo dimostra che all’interno della maggioranza c’è molto malcontento. Cretaro sostiene che è sinonimo di condivisione ma è evidente che altri giorni serviranno al sindaco per calmare gli animi di chi non è soddisfatto del risultato elettorale. Nel documento programmatico non si parla di sanità, di assistenza ai malati e non si fa riferimento alla realizzazione di nuove strutture sportive nel territorio.

Valuterò la giunta anche dal modo in cui saranno assegnate le deleghe – ha aggiunto Lombardi. Per il momento dico che di cinque assessori ben tre sono esterni e che il rinnovamento annunciato in campagna elettorale da Cretaro non si è concretizzato. Il sindaco ha dovuto accontentare le liste, questo l’unico criterio utilizzato per la composizione della giunta, trascurando inoltre anche quella dei giovani. Ritengo che diversi condizionamenti abbiano determinato le scelte di Cretaro. Faremo opposizione e soprattutto controlleremo l’operato della maggioranza. I cittadini – ha concluso Lombardi – si renderanno conto presto se il fine di questa amministrazione è il bene del nostro paese».

Menu