5 Maggio 2014

Il candidato sindaco di FI Gianfranco Rufa nel suo programma prevede la riorganizzazione urbanistica e il riesame del regolamento del cimitero

Il candidato sindaco Gianfranco Rufa del centrodestra, alias  “Gabibbo”,  ha già cominciato il suo giro ispettivo in città e nel territorio, la prima visita è stata presso il civico cimitero trovandolo in pieno degrado e nel caos organizzativo. – “Degrado e caos. Sono queste le parole chiavi che identificano meglio un luogo caro a tutti i cittadini”. E’ iniziato a pieno ritmo il viaggio del ‘Gabibbo Rufa’ nei luoghi della città segnati dal degrado. Prima tappa il cimitero comunale. “Un cantiere aperto abbandonato nell’incuria più totale –il commento indignato dell’aspirante sindaco Rufa- La parte ‘vecchia’ è ormai quasi impraticabile, mentre la nuova (che tale non può certo definirsi) mostra già i primi segni di abbandono. L’umidità, soprattutto nei piani più alti, ha completamente intaccato intere pareti provocando lo scollamento dell’intonaco e la formazione di crepe spaventose. Disordine e incuria la fanno da padrone ovunque ed è evidente che manca quell’ordinaria manutenzione che dovrebbe, invece, garantire quel minimo di decoro che si conviene ad un luogo sacro. È un’impresa già solo raggiungere il piazzale principale. Girando per i reparti si vedono fili della corrente senza protezione, crepe sul soffitto gonfie d’acqua e lunghe scalinate di ferro impraticabili soprattutto per gli anziani che, nemmeno a dirlo, sono anche i visitatori più assidui. Mancano persino le strisce antiscivolo, senza contare la difficoltà enorme che si ha nello spostare le scale mobili e raggiungere i loculi disposti in alto. Si parla tanto di rispetto dell’ambiente –ha aggiunto Rufa- e poi non si trovano cassonetti per la differenziata. Così tutti i rifiuti finiscono all’interno dei bidoni neri. Peggiore è la situazione nella parte vecchia che, a mio avviso, è anche quella più bella e caratteristica. L’incuria è sotto gli occhi di tutti. Tombe senza lapidi, lastre di marmo poggiate a terra, muri fatiscenti, cavi della corrente sospesi e centraline elettriche aperte, nidi di api ed erbacce ad ogni angolo. Anche qui – conclude Rufa -si accede mediante una scalinata impraticabile che quando piove diventa pericolosa. In alcuni vialetti, invece, l’erba supera le tombe e nessuno si preoccupa di toglierla. Uno spettacolo davvero triste che ci auguriamo di non vedere più. Il cimitero è un luogo sacro e caro a tutti noi, non merita di essere abbandonato”.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Come vivere tre giorni da sogno nella Città Eterna spendendo una cifra ragionevole senza rinunciare alla qualità del soggiorno.

EXTRA

Strage di cani in paese: monta la rabbia social

Sono giorni inaudita violenza nei confronti dei poveri amici a quattro zampe, la cui unica "colpa" è quella di fidarsi dell'uomo.

SCUOLE

SORA - L'IC 3 incontra il Vescovo Antonazzo

L'occasione è stata utile per una riflessione condivisa sulla necessità del lancio di un patto educativo globale.

SCUOLE

SORA - IC 1: Anche prestigiosi risultati anch e per "Rione Napoli" e "Arduino Carbone"

L'Istituto comprensivo 1 Sora, così per il secondo anno consecutivo, ottiene il CERTIFICATE OF EXCELLENCE IN CODING LITERACY per tutti gli ...