10 Maggio 2014

Il grande cuore della GZC Veroli batte l’arroganza arbitrale, la sfortuna e la Tezenis Verona 67-66: ora decisiva gara 4 per volare in semifinale

GZC Veroli – Tezenis Verona 67-66 (17-16, 11-14, 20-22, 19-14)

GZC Veroli: Rodez Sanders 8 (1/5, 1/4), Cittadini 14 (5/6), Rossi 4 (0/2), Tomassini 6 (1/3, 1/3), Lascells Samuels 5 (1/2, 1/2), Alan Blizzard 13 (2/3, 3/6), Casella 5 (1/5, 1/3), Carenza 12 (0/5, 4/8) N.E.: Giammo’, Fabiani. Coach: Ramondino

Tiri Liberi: 12/18 – Rimbalzi: 29 20+9 (Cittadini 12) – Assist: 11 (Tomassini 5)

 

Tezenis Verona: Smith 14 (5/7, 1/4), Taylor 14 (4/7, 1/6), Reati 9 (0/1, 3/4), Carraretto 0 (0/1, 0/2), Boscagin 0 (0/2, 0/2), Callahan 16 (5/7, 2/9), Gandini 9 (3/3), Da Ros 4 (2/4, 0/1) N.E.: Grande, Salafia

Coach: Ramagli

Tiri Liberi: 7/10 – Rimbalzi: 30 20+10 (Callahan 8) – Assist: 8 (Smith 3) – Cinque Falli: Smith

 

 

Veroli – Intanto! Onori a quei dieci gladiatori, anzi undici, compreso quel signore allenatore che si chiama Marco Ramondino, che hanno vinto una dura battaglia  “ nell’arena” del Palacasaleno, sfidando gli avversari che hanno giocato tutti i 40’ con le mani addosso senza pudore. Sfidando una terna arbitrale che più vergognosa, scandalosa  e di basso livello non si  può (non riusciamo a capire perché la Federazione manda in giro arbitri boriosi e di bassissima cultura arbitrale).  La squadra giallorossa ha dovuto sfidare financo la sfortuna che in alcuni momenti topici della gara ci ha messo del suo. Nonostante tutte queste brutture la GZC Veroli ha vinto, anche se di un solo punto 67-66, gara 3 dei quarti  play off contro una cocciuta, mai doma ma anche scorretta e spinta dagli arbitri, Tezenis Verona. Quella di venerdì sera è stata una gara bella ma spigolosa e condita da una serie di strafalcioni arbitrali che gridano veramente vendetta. La cronaca racconta che i verolani partono bene e piazzano subito un break di 9-0 (14-59), gli ospiti veronesi sembrano intontiti ma ci mette lo zampino la sfortuna perché Rossi e compagni non trovano più il canestro per circa 6’ di gioco, come già successo al PalaOlimpia martedì scorso, naturalmente il quintetto di coach-furbo Ramagli ne approfitta per pareggiare i conti (14-14). Veroli però riesce a chiudere in vantaggio la prima frazione 17-16. Nel secondo parziale Veroli non ristabilisce subito il feeling con il cerchio di ferro sul quale molti palloni scivolano e non entrano, mentre quelli dei gialloblù  vanno a segno e permettono alla Tezenis di fare un break di 10-0 con Veroli sotto di cinque lunghezze (25-30), grazie al grande aiuto dei direttori di gara che fischiano due tecnici bugiardi alla squadra di casa è il ringraziamento di “lamentino”  Ramagli. Per lui fischiate arbitrali a richiesta: Continua intanto il digiuno di punti per Veroli perché i tentativi di Cittadini, Samuels,  Sanders, Tommasini  vanno a vuoto e arriva il riposo con il punteggio che sorride agli ospiti di Verona, ma solo di due punti, 28-30. Anche il terzo parziale vede una certa egemonia della Tezenis poi ancora un antisportivo fischiato con molta leggerezza dagli arbitri a Cittadini e Verona si porta a + 6 (30-36), ma il gioco è fermo e dopo lunghe consultazioni con il tavolo quegli intelligentoni di arbitri decidono di togliere due punti superflui ai veronesi. Gli ospiti però non avevano fatto i conti con le sette vite di Sanders e Carenza, l’americano prima va da due e poi offre l’assist a Carenza per la bomba che provoca il boato del Casaleno  e il pareggio di Veroli (36-36). Anche Callahan ha sette spiriti però, ma anche tanta fortuna, l’americano segna cinque punti di fila che rispediscono Verona avanti di 5 lunghezze, i giallorossi si ricordano di essere una squadra unita e laboriosa per cui riducono ancora una volta il distacco anche se Verona al termine del terzo parziale è sempre avanti 48-52. Gli ultimi 10’ sono drammatici per i ciociari che subiscono le folate a canestro degli ospiti di Verona (48-57) nonostante tutto Veroli rimane attaccata in qualche modo alla partita. I ragazzi in giallorosso lottano, giocano e si logorano con le folate a canestro che stavolta è più visibile, Verona non molla ma neanche Veroli, tanto è vero che Blizzard segna il canestro dell’ultimo sorpasso (63-61), POI Verona impatta con il solito e l’unico Callahan, il signor Carenza però è in serata positiva, si alza da tre e buca la retina facendo esplodere il Palas tutto in piedi ad applaudire. Reati con tanta fortuna perché sbilanciato trova la tripla del pareggio (66-66), Taylor spinge  Sanders, l’americano dalla lunetta ne realizza solo 1 su 2, lo stesso Taylor nel possesso ci prova sulla sirena ma la palla va fuori. Veroli vince 67-66 e manda all’inferno la Tezenis. Domani sera si gioca gara 4, partita decisiva, forse per Veroli, ma che rappresenta una speranza per Verona di portare la serie a 5 e giocare la finale in casa. Tutto può succedere a questo punto, ma la cosa più importante è che Veroli nonostante tutto è ormai una squadra da temere, perché non molla mai e poi diciamolo francamente, è una squadra che gioca con il cuore. Senza aiutini arbitrali e senza avere nel roster nomi altisonanti, ma tutta gente che gioca con umiltà e si diverte. La GZC Veroli  è  una squadra indiscussa e indiscutibile a questo punto, che non cerca favori e odia le ingiustizie, soprattutto quelle arbitrali. Detto questo a di là di come andrà a finire questa serie dei quarti di Adecco-Gold, la squadra ciociara ha avuto già la sua vittoria finale. Ha conquistato la palma di squadra pulita e onesta!

Gianni Federico

 

Guarcino rinasce: entro il 2025 si trasferiranno in paese 200 coppie di pensionati, studenti, artigiani e imprenditori

Il progetto si chiama “Guarcino 2025” è stato ideato dal presidente della Società Italiana di Cardiologia Geriatrica.

FROSINONE - Commemorazione defunti, le disposizioni del Comune

Il civico cimitero, come di consueto, sarà aperto dalle 7 alle 16.30 ma con le dovute precauzioni anti Covid.

CORONAVIRUS - Altra giornata da bollino nero nel Lazio: oggi 2.246 nuovi casi, 268 in provincia di Frosinone

Oltre 25 mila i tamponi effettuati. D'Amato preoccupato lancia l'allarme: «Bisogna evitare tutte le occasioni di contatto che non siano strettamente necessarie».

Arrestato 47enne dopo rocambolesco inseguimento notturno

Carabinieri in azione la scorsa notte.

https://dermaclinics.net/

essay writer near me - «Sul territorio della provincia di Frosinone il Superbonus ha prodotto, come confermano i dati Unioncamere-Infocamere, un incremento di 55 aziende nel settore edile»

Gianluca Quadrini: «La ASL di Frosinone protegga medici, infermieri e ausiliari. Caos colpa del Governo Conte»

Gianluca Quadrini - Secondo il presidente del gruppo provinciale di Forza Italia «La riapertura delle discoteche e il via libera alle vacanze estive ha prodotto una circolazione incontrollata del virus».

CORONAVIRUS - Terapia intensiva, i 5 Stelle chiedono "chiarimenti" a Zingaretti su posti e ventilatori

essay writer near me - «Dei 240 ventilatori ricevuti - spiegano i pentastellati - ne risultano impiegati solo 176 e non si ha notizia degli altri 64. Sarebbe gravissimo se giacessero inutilizzati da oltre sei mesi».

Miriam Diurni incontra Antonio Pompeo in Provincia a Frosinone

Miriam Diurni - Miriam Diurni, nuova nuova Presidente di Unindustria Frosinone, ha incontrato il Presidente dell'Amministrazione Provinciale.

Violento terremoto 7.0 tra Grecia e Turchia: immagini impressionanti

Terremoto Turchia - Terremoto Grecia Turchia: crolli di palazzi, si temono persone sotto le macerie.

Ristorante mostra l'incasso zero alla chiusura del locale. «Mio caro presidente, ti racconto una storia...»

Una testimonianza della grave difficoltà del momento per tutti coloro che gestiscono un locale.

Guido Bertolaso: «Lockdown per un mese o a metà Novembre saremo come a Marzo»

Guido Bertolaso - Guido Bertolaso, ex capo della Protezione Civile lancia l'allarme: «In estate si è perso tempo, prima l'epidemia riguardava Veneto e Lombardia, ora abbraccia tutta l'Italia».

È venuta a mancare Anna Maria Mancini

Si è spenta a Sora presso la propria abitazione in via Pantano 35.

Matteo Bassetti "rilancia": «Questo virus non sparirà neanche con il vaccino. Non arriveremo più alla normalità totale»

Matteo Bassetti - Dopo 6 mesi il Prof. Matteo Bassetti, infettivologo genovese, conferma ciò che pensava ad Aprile: «Il Covid continuerà a "farci compagnia" per molto tempo».

Coronavirus: oggi a Sora 15 nuovi casi. I negativizzati salgono a 117, gli attuali positivi sono 214

Roberto De Donatis - La maggior parte dei positivi sono asintomatici e isolati presso il proprio domicilio.

Sergio Costa: «Stop vendita e uso anche a bicchieri di plastica usa-e-getta oltre che posate, piatti e cannucce»

Sergio Costa - Sergio Costa, Ministro dell'Ambiente, inoltre precisa: «La battaglia che sto combattendo dal primo giorno non è contro la plastica in generale, ma contro quella usa e getta, è un controsenso innaturale».

Coronavirus: oggi nel Lazio 1.995 nuovi casi, 184 in provincia di Frosinone (11 ricoveri)

La ripartizione territoriale dei dati tratta dal bollettino divulgato dalla Regione Lazio.

«Ciao Rocché, grande lavoratore, stimato collega, ma soprattutto AMICO»

Il ricordo dei colleghi sulla pagina Facebook dello store Expert Lucarelli di Sora, dove il sorriso di Rocco c'era sempre e per tutti.

CORONAVIRUS - 13enne positivo dorme in auto per non contagiare la famiglia

Vive con la famiglia (5 persone) in una stanza con bagno, un'abitazione troppo piccola per garantire il suo isolamento. Il papà ha passato le notti accanto al veicolo per sorvegliarlo.

Francesco Boccia (PD): «Chiusura locali dettata da stringenti esigenze di emergenza sanitaria nazionale»

Francesco Boccia - Francesco Boccia, Ministro per gli affari regionali e le autonomie: «La difesa della salute è prioritaria. Sosteniamo il lavoro di medici e infermieri. No a chi aggira le regole».