4 Gennaio 2014

In terra siciliana contro la Sigma Barcellona, la GZC Veroli si gioca un posto per le Final Six di Coppa Italia

La squadra di coach Marco Ramondino è volata ieri per la terra siciliana dove l’attende la sfida con la  Sigma Barcellona, ultima di andata e prima del 2014,  una squadra che nella scorsa estate è stata costruita per arrivare molto in alto e che invece al giro di boa fa contare  due punti in meno in classifica  della “piccola”  GZC Veroli che si deve salvare, questo fatto non lo sanno  spiegare neanche il giovane coach Ugo Ducarello e il gm Antonello Riva dopo  la sconfitta di Trieste che ha fatto entrare Barcellona in un lungo tunnel. Eppure la Sigma nel roster ha gente del calibro di Andre Collins e Alex Young, due americani in gamba, ci sono poi gli Italiani Mauro Pinton, Fiorello Toppo,  Demian Filloy e Natali, che però non gioca per infortunio, ma con un Tommaso  Fantoni in gran spolvero e il nuovo acquisto Ganeto, Insomma, un gruppetto di tiratori niente male per la squadra siciliana.  La “piccola “ Veroli si presenta al cospetto di cotanta squadra zeppa di talenti e del pubblico del PalAlberti di Pozzo di Gotto per giocarsi non solo i due punti in palio,  ma addirittura l’entrata tra le magnifiche quattro che disputeranno le Final Six di Coppa Italia. Non è poco per una squadretta che tutti all’inizio avevano additato come squadra materasso e che avrebbe faticato per salvarsi! La settimana del post capodanno è  scivolata via come l’olio ma molto intensa sotto il profilo della preparazione per questo incontro nella  terra di trinacria, ci sono stati due giocatori che hanno accusato qualche defezione: Blizzard si è fermato due giorni, Carenza un solo giorno ma tutto si è risolto, anche capitan Marco Rossi è rientrato nel gruppo in partenza per Barcellona e sarà della partita. In conferenza stampa coach Ramondino ha parlato di una gara molto importante a questo punto della stagione, certamente il tecnico di Avellino non si aspettava che la sua squadra sarebbe arrivata a giocarsi l’accesso alla finale di Coppa Italia con la Sigma indietro di due punti, per questo ha chiesto ai suoi ragazzi di sfoggiare una partita da combattenti, senza perdere  mai l’equilibrio difensivo e offensivo. Carenza a canestro– “ In una partita del genere – ha dichiarato Ramondino al sito del Basket Veroli –  il risultato può anche passare in secondo piano perché è vero che vincere ci offrirebbe una possibilità insperata ad inizio stagione o qualche settimana fa, ma è altrettanto vero che le Final Six non erano e non sono il nostro obiettivo e barattare la salvezza con le Final Six è qualcosa che non farebbe nessuno. Detto questo ritengo che la pressione ce l’abbia più chi, come Barcellona, è stato costruito non solo per partecipare ma per vincere la Coppa e il campionato ”. Non scopriamo solo adesso la saggezza di Ramondino, un ragazzo che si è fatto da solo con le proprie forze e la propria intelligenza, perché tutti sappiamo  bene  che i siciliani partono in vantaggio nel confronto e forse stanno uscendo da quel tunnel, ma la “ piccola “ Veroli va ad affrontare la gara a viso aperto, anche perché Sanders, Blizzard e compagni hanno dimostrato tante volte che il basket bisogna saperlo giocare, saper interpretare bene gli schemi e  a volte superarsi, fare in modo di spezzare il ritmo agli avversari senza farli ragionare, giocare  dunque una partita perfetta in  attacco ma soprattutto in difesa. Alla squadra ciociara è riuscito diverse volte di uscire vittoriosa da qualche Santuario del basket, chissà che stavolta la Befana, con la sua scopa, non dia una mano ai giallorossi ad asfaltare la Sigma Barcellona? Palla a due alle 18 con gli arbitri designati a dirigere la partita: Andrea Masi di Firenze, Pasquale Pecorella di Trani (BT), Achille Ascione di Caserta.

Gianni Federico

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Tutti i numeri di un anno magnifico nell'intervista all'amministratore unico, dott. Ennio Mancini, ed al Direttore, Orlando Pizzuti.

SPONSOR

Il 2019 è stato l'anno delle conferme e degli obiettivi raggiunti per l'azienda che si occupa di assistenza familiare.

SPONSOR

Promozione valida fino al 13 Dicembre 2019.