29 Maggio 2014

Veroli: incendio alla Scuola Elementare “Valente”

Prima o poi doveva succedere, prima o poi qualcosa succedere quando le istituzioni sono assenti o i controlli sono pochi. Ci riferiamo all’assenza, forse per distrazione,  dell’istituzione comunale,  dei  controlli delle forze dell’ordine (polizia, carabinieri, polizia locale, guardia forestale), tutte quelle che sono presenti a Veroli.  Ma perché la città deve essere messa  alla berlina  da quattro imbecilli drogati e da pochi extracomunitari senza scrupoli che fanno quello che vogliono senza essere puniti?

Perché Veroli deve sottostare all’arroganza di gente senza alcun controllo?  Si tratta di italiani, extracomunitari e comunitari! Perché  c’è poco  controllo a livello cittadino su alcuni siti sensibili?  Come ad esempio lo stabile  della Scuola Elementare Antonio Valente  sito in Corso  della Repubblica, una bella struttura abbandonata a se stessa da anni  dopo il terremoto che colpì l’Aquila, che  ieri è stata presa di mira da ignoti  vandali che si sono divertiti (poveri cretini), a dare  fuoco  alle suppellettili di un’aula dell’ultimo piano ( come sono entrati?) che hanno preso subito fuoco. Sono intervenuti  immediatamente i Vigili del Fuoco e gli uomini della Polizia Locale. Quella del dolo è l’ipotesi più avanzata anche perché la struttura da anni è la mèta preferita, proprio perché senza controllo, di tutte le  coppiette che poi lasciano preservativi ed  escrementi, dei drogati che fanno il loro comodo senza essere disturbati lasciando siringhe  e altro, di gente senza scrupoli che ormai la fa da padrona in quello stabile osando di tutto.

IMG_0005

Quella struttura scolastica  se ristrutturata  e messa definitivamente  in sicurezza potrebbe  accogliere nuovamente i bambini della scuola elementare che ancora sono ospiti presso l’ex convento dei Padri Cappuccini in Via Passeggiata San Giuseppe,  un bel complesso acquistato e ristrutturato dal comune di Veroli che originariamente  era stato scelto come sede per  una Scuola  Alberghiera.  Ma come al solito la mancanza di fondi e la burocrazia tutta italiana nel mandare avanti con molta lentezza una pratica, ma anche un tantino di menefreghismo,  sono i veri ostacoli per la ristrutturazione della Scuola Valente che  il tempo e l’incuria  sta facendo diventare vecchia ed obsoleta e se non si interviene  subito,  inutilizzabile.  Dicevamo che non ci sono controlli,  ed è vero.

Non basta fare qualche multa ad un povero padre di famiglia o fare fogli di via a qualche extracomunitario, gonfiare il petto e basta. C’è la necessità immediata di fare controlli a tappeto in città e nel territorio per monitorare,  controllare i movimenti di alcune persone, italiane  e straniere, che si aggirano per la città senza una fissa dimora e senza un lavoro,  per poi intervenire.  Che cosa stanno a fare a Veroli certi personaggi?  Di quali proventi vivono se non hanno lavoro?  Altri esempi?  Ci sono persone di origine  Albanese,  Rumena, Moldava, Ucraina, e di altri paesi dell’est,  che passeggiano per la città senza dare un utile alla comunità.  Molti altri sono quelli arrivati con i barconi e che ogni santo giorno ti assillano per venderti  i calzini (a parte che i cittadini non hanno mille piedi) e se non li vuoi ti chiedono un euro per mangiare o per il caffè.

Nessuno però  pensa ed è al corrente che tanti nostri concittadini residenti, per via della disoccupazione e della recessione,  quell’euro spesse volte  non  ce l’hanno e per la vergogna e la dignità perse senza lavoro, non riescono a guardare negli occhi i propri figli!  Senza ergerci a moralisti,  ci rivolgiamo con molta serenità  al nuovo  sindaco Simone Cretaro, che da anni conosciamo come  persona onesta e sensibile a certe problematiche, come lo è anche il sindaco uscente D’Onorio.  Il neo primo cittadino  nell’immediato  dovrà chiedere una collaborazione  e un impegno più forti a chi è preposto a fare controlli, a tutte le forze dell’ordine che fanno già tanto, che siano mirati però alla sicurezza e alla  salvaguardia  della città  e dei cittadini.

Gianni Federico – Veroli24

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Tra i 27 premiati anche Guglielmo Mollicone, il caro papà di Serena. Appuntamento alle 18 nella Sala Conferenze della XV Comunità Montana "Valle del Liri".

SPONSOR

Tutti i numeri di un anno magnifico nell'intervista all'amministratore unico, dott. Ennio Mancini, ed al Direttore, Orlando Pizzuti.

SPONSOR

Il 2019 è stato l'anno delle conferme e degli obiettivi raggiunti per l'azienda che si occupa di assistenza familiare.

SPONSOR

Promozione valida fino al 13 Dicembre 2019.