15 Gennaio 2014

Le segnalazioni dei nostri lettori sulla situazione del civico cimitero

Un nostro amico lettore che si firma ci ha inviato una lettera nella quale scrive di alcune situazioni difficili in cui si troverebbero sia i dipendenti comunali che lavorano presso il locale Cimitero, ma soprattutto i cittadini che si recano in quel luogo per far visita ai loro cari defunti. C’è da segnalare che dopo qualche anno proprio in questi giorni si stanno effettuando le traslazioni delle salme che erano collocate in loculi già acquistati da altri cittadini per sistemarle definitivamente in quelle nuove e già assegnate secondo cronologia. Fiorini però ci segnala alcune anomalie e si lamenta per la condizione in cui versa la di strada, se così si può chiamare, che porta ai nuovi loculi. Facendosi un giro più ampio Franco Fiorini ha accertato diverse altre situazioni anomale che ormai si trascinano da diversi anni.  – “ Al cimitero di Veroli, si stanno effettuando le opere di traslazione delle salme fino ad oggi “in affitto” dentro loculi di altri cittadini che le hanno acquistate, ed ora destinate ai nuovi loculi costruiti di recente. Tutto avviene in modo regolare, con i parenti avvisati a presenziare se interessati, gli operai del comune solerti e precisi cercano di svolgere al meglio un lavoro che crea sempre qualche difficoltà a livello emotivo, e in questo caso pure a livello fisico. Si, ‘ perché non e’ facile attraversare (anche se con una camionetta) quel lungo tratto di strada in salita che porta ai nuovi loculi, una strada badate bene sempre chiusa perché non ancora ultimata, nonostante facesse parte del lavoro che comprendeva la costruzione dei fornetti. Possibile che nessuna delle tre ditte appaltatrici ha pensato (con il consenso degli appaltanti) di ultimarla? Forse perché convinti che i defunti non si sarebbero mai lamentati di questo inconveniente! Ho notato durante un’operazione di spostamento delle salme che sia gli operai che le persone che li seguivano, si trovavano a disagio nel percorrere quel non breve tratto di strada a livello di collina. Gli unici a stare in regola in questa storia devono essere i parenti i quali devono aver effettuato il pagamento del loculo per la continuità dell’affitto. La posizione, le rifiniture e il raggiungerli sono degni di chi tutto ha a cuore tranne il rispetto del cittadino e a questo proposito mi chiedo: ma chi di dovere, sapendo che saremmo arrivati a questo trasloco, non e’ riuscito ad evitare di aprire una strada non ultimata e fino ad ora interdetta a tutti?  A Veroli per quanto concerne i lavori pubblici incompiuti ormai ci siamo abituati. Restando sempre sull’argomento del civico cimitero, voglio ricordare per l’ennesima volta: i marciapiedi non ancora ultimati, la pubblica illuminazione che manca solo in quel tratto ed vergognoso, gli arredi, la potatura degli alberi e la sistemazione delle aiuole e cosi via. Su questo tema, come su altri temi assai importanti per la vita civile dei cittadini,  l’Amministrazione di centrosinistra che comanda ormai da venti anni questa città non riuscendo a farla decollare,  in vista delle prossime elezioni forse vuole lanciarci un messaggio di impegno e operosità, loro sono abituati ed educati  a lanciare “scoop” a tutti i livelli tra i tanti voglio ricordare: le fogne, il palazzetto dello sport, le case popolari, l’Hotel Filonardi, il palazzo Diamanti, il Convento di Scifelli e chi più ne ha più ne metta.  I nostri politici sono stati fortunati, hanno evitato di andarci da soli e a piedi al cimitero. Che riposino in pace…i nostri defunti!!!  –  Grazie dell’ospitalità sul vostro giornale.   Franco Fiorini

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Tutti i numeri di un anno magnifico nell'intervista all'amministratore unico, dott. Ennio Mancini, ed al Direttore, Orlando Pizzuti.

SPONSOR

Il 2019 è stato l'anno delle conferme e degli obiettivi raggiunti per l'azienda che si occupa di assistenza familiare.

SPONSOR

Promozione valida fino al 13 Dicembre 2019.