11 Novembre 2012

PRIMA VEROLI: a Scafati giallorossi sconfitti dopo l’over time (68-63)

La Prima Veroli nella tana della Givova Scafati tenta il terzo bliz per tenere alto il morale e per ovviare alle tre sconfitte subite in casa. Si comincia con la palla a due conquistata dai padroni di casa e puntuale Sorrentino mette la tripla, nell’azione dopo Walker risponde con la prima bomba della serata, Veroli sembra più tonica,arriva il canestro da sotto di Ghiacci (5-3) dopo 2’ di gioco. Si lotta sotto le plance e si accende il duello Infante- Slay a suon di rimbalzi, ha la meglio Rinaldi che ne mette due, Veroli impatta (5-5), Mays dalla distanza sbaglia, Infante prende il rimbalzo e scarica per Ghiacci che commette fallo, rimessa con Walkerche scarica per Jiurevicus, il letone sbaglia da tre, la palla rimane ai giallorossi Infante ne mette due e Veroli caccia il muso avanti (5-7), ma dura poco perché arriva la tripla di Mays, si gioca punto a punto e di fisico, Rinaldi rivece da Hunter e si alza da tre (8- 11), ci prova Baldassarre ma non va, Infante recupera per il possesso che lancia Walker da due, l’americano di Scafati Slay risponde da sotto, finisce il parziale sul 12-15 per i laziali.

Buona la difesa verolana , Walker con la sua velocità matte in apprensione quella scafatese, Mays tenta il pick & roll che si chiude con Bushati che ne mette due, la Givova torna a – 1, Veroli manovra con Hunter che tenta la tripla ma sbaglia, il rimbalzo è di Ghiacci che in solitaria va depositare due punti nella retina (16-15), quando Veroli riparte Walker scarica per Rossetti che va a schiaciare, risponde Ghiacci dalla lunetta con 2/2 e torna l’altalena del punto a punto fino alla tripla di Hunter che la spezza (18-20). Slay sbaglia e Rinaldi prende il rimbalzo, scarica per Berti che sbaglia dai 6,75, Sorrentino subisce fallo e dalla lunetta il lungo fa ½, intanto sul parquet si gioca ancora di fisico e gli scontri sotto canestro tra i lunghi fanno diventare più bella la gara.

Prima Berti da due poi sull’altro fronte Slay da tre muovono il punteggio (25-22), Scafati torna a condurre le danze ma l’inerzia della gara rimane ancora nelle mani degli ospiti giallorossi, Berti con il fallo su Slay, ma non c’èra, che per due volte dalla lunetta fa 2/2 (29-22), l’ex Bushati ne mette ancora due per il (31-22) i giallorossi ora subiscono grazie anche a qualche fischiata esagerata e la Givova fa le prove di allungo che non si concretizza perché prima Jurevicus dalla media poi Rinaldi da sotto riportano Veroli a – 5 sulla sirena del riposo 31-26. Scafati a referto segna 7/22 da due e 3/8 da tre; Veroli invece 10/18 da due e 2/11 da tre; i rimbalzi per la Givova 13/5 per la Prima 15/5. Si torna in campo ma l’atteggiamento dei laziali non cambia e l’inerzia ella gara passa ai padroni di casa, Marcelletti chiede più continuità, dall’altra parte coach Bartocci cerca cambi mirati per fermare le folate a canestro di Hunter e Walker e per trovare più spazi aperti nei corridoi laterali dove Rosignoli e Bushati possono tentare le triple.

Veroli tiene in campo le torri Rinaldi e Infante, per raccordare meglio con gli esterni Rossetti e Hunter, Walker in regia scarica per l’altro americano che sbaglia, nel possesso Mays ne mette due, pronta risposta di Hunter da tre ma sono in agguato Ghiacci e Mays che segnano dalla media e Scafati torna a + 6 (35-29). Marcelletti rilancia Jurevicus , Bartocci mette Slay per fermare il lettone, arriva un’altra tripla di Hunter seguita, dopo un extra possesso, da un tiro da due dell’americano che sale a 11 punti realizzati e Veroli torna a – 1 (35-34) a 6’ dalla fine del parziale, Bartocci chiede time out. Ancora la Prima con Jurevicus poi ala tripla di Hunter riportano Veroli a -1. 42-41 il punteggio che manda in archivio il terzo quarto. Gli utlimi 10’ non vedono cambiamenti di atteggiamento da parte delle due squadre che giocano punto a punto, Veroli cerca i canestri del riaggancio e ci riesce con Infante che va da due (55-53), Scafati stringe i denti e difende bene, zona press per Veroli con Berti e Jurevicus, il lettone va a sfondare e la palla torna nelle mani dei campani e il pareggio sfuma. I ciociari ripartono in transizione ma Rossetti sbaglia e fa fallo, Marcelletti chiama time out per gestire l’ultima palla, rimessa di Veroli, Carenza per Infante che ne mette due sulla sirena e i laziali impattano (55-55). Si gioca l’over time di 5’ minuti.

Prima Bushati poi Infante e la parità continua (57-57), ma arriva la tripla di Tavernari che fa da sparti acque, Scafati cerca di scappare, Veroli tenta con Carenza ma sbaglia, May commette passi e Jurevicus rilancia i giallorossi in attacco, Hunter da due (60- 59). La concentrazione e la precisione al tiro potranno dire chi la spunterà tra Veroli e Scafati al Palamangano. Jurevicius esce per 5 falli così come Rinaldi poco prima, (63-61) dopo i liberi di Slay, manca ancora una vita, Hunter sbaglia la tripla del sorpasso, Infante per Rossetti che tenta la bomba che non tocca neanche il ferro. Marcelletti chiama ancora time out ma serve a poco perché la Givova va a canestro con 1/2 ai liberi di May, tiri liberi anche per Waker (64-63) Bartocci chiama time out, Si riparte a 30’’ dalla fine, Ghiacci serve Tavernari che ne mette due . Finisce con la vittoria sofferta ma meritata di Scafati con il punteggio di 68-63. Veroli subisce un altro stop anche fuori casa, con qualche complicità della terna arbitrale, ora ci sarà da lavorare per Marcelletti prima che la crisi di nervi, oltre a quella di identità, contagi l’intera squadra.

SCAFATI: Mays 15, Bushati 8, Tavernari 5, Maisano ne, Baldassarre 3, Izzo ne, Sorrentino 5, Rosignoli 6, Ghiacci 8, Slay 18. Coach Bartocci.

VEROLI: Hunter 18, Stirpe ne, Battaglia ne, Jurevicus 10, Infante 12, Walker 7, Rinaldi 11, Carenza, Rossetti 2, Berti 3. Coach Marcelletti.

Arbitri: Caroti di Cecina (LI), Ciano di Vicopisano (PI), Boninsegna di Milano. Parziali: 12-15; 31-26; 42-41; 55-55.

Finale dopo l’over time 68-63.

Gianni Federico

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Tra i 27 premiati anche Guglielmo Mollicone, il caro papà di Serena. Appuntamento alle 18 nella Sala Conferenze della XV Comunità Montana "Valle del Liri".

SPONSOR

Tutti i numeri di un anno magnifico nell'intervista all'amministratore unico, dott. Ennio Mancini, ed al Direttore, Orlando Pizzuti.

SPONSOR

Il 2019 è stato l'anno delle conferme e degli obiettivi raggiunti per l'azienda che si occupa di assistenza familiare.

SPONSOR

Promozione valida fino al 13 Dicembre 2019.