28 Novembre 2012

VEROLI: Via Pio Bisleti e Piazza Vittorio veneto, regno dell’ incuria e del degrado

Riceviamo ancora una volta un’altra segnalazione di disagi da parte di Franco Fiorini perchè c’è un problema che riguarda un punto nevralgico di Veroli, il tratto cittadino che va da via Pio Bisleti e piazzale Vittorio Veneto. Si parte dalla pavimentazione indecente e indecorosa, per la quale da ani non c’è manutenzione alcuna (penso), sulla quale non attacca piu’ neanche la vernice per le strisce pedonali (segnaletica orizzontale) che ogni tanto cercano di rinnovare ma senza successo. E a proposito di segnaletica, quella verticale e’ messa male o coperta, come il tabellone di Veroli con la piantina delle vie, dei monumenti, delle Chiese e dei Musei da visitare, coperte anche dai bus che sostano proprio di fronte (c’e da ridere), perchè il problema è stato piu’ volte segnalato. Per passare poi all’ingresso del Liceo dove insegna il Sindaco ( ma lui corre, scappa, abbassa la testa e non vede), li la pavimentazione è orribile, tra i ciotoli vedi le cicche e robacce varie, che tutti contribuiscono ad incrementare, ma che nessuno toglie, non sia mai che un bidello dell’Istituto scolastico lo faccia per sbaglio. Poi basta guardarsi intorno, le piante mal curate, orti abbandonati , una parete di roccia unitile (sarebbe il caso di toglierla e ampliare il piazzale), immobili fatiscenti brutti da vedere, che sono come tutto il resto, un biglietto da visita indegno di una “città'” che il Sindaco nel suo “murales” invita tutti a visitare. Dulcis in fundo, quel gabbiotto di cemento, ricoperto di sterpaglie robacce varie, dove i topi la fanno da padroni, con le macchine parcheggiate sempre davanti, con l’umidita’ interna da paura, dove per alcuni giorni all’inizio del mese un addetta della Reali Tour rinnova gli abbonamenti a studenti e cittadini vari. La scritta Veroli sul muro della salita che conduce all’ingresso di Palazzo Spani, con quelle sterpaglie che stanno per arrivare di nuovo a coprirla e il sottostante muro del monumento, brutto e con scritte sciocche. Per chiudere: telecamere montate, segnalata la presenza ma non attive. Che dire! Noi con rispetto ed educazione, ci permettiamo di individuare e segnalare, non siamo ne’ tecnici, ne’ preposti, Loro conoscono il problema ed i rimedi,siccome le segnalazioni del cittadino al politico, danno fastidio e non hanno quasi mai una risposta o un soluzione, noi non demordiamo, ci teniamo troppo al nostro “Paese da visitare” e allora pur se snobbati nella parola e nel saluto da diversi consiglieri e assessori, continuiamo e continueremo a fare dall’esterno questa opposizione che piu’ di qualcuno all’interno della minoranza politica omette o dimendica di fare. Sperando di poter essere di aiuto alla memoria di chi ci amministra, con l’augurio di poterli ringraziare un giorno di averci (anche se in parte) ascoltati.
Resto a disposizione e ti saluto.

foto: antica cartolina da collezione privata

 

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
"Cristo ha bypassato la Ciociaria"

Aeronautica Militare Frosinone - Critica analisi di Rodolfo Damiani sul depauperamento della provincia di Frosinone.

SORA - Ospedale SS. Trinità, potenziamento del Pronto Soccorso

flirt à chicago ebook gratuit - De Donatis: «Ringraziamo la Asl, nella persona della Dott.ssa Magrini, per questo primo importante intervento che va nella direzione di potenziare il nostro Polo Ospedaliero».

SORA - Il Comune aderisce alla Giornata Nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo

flirt à chicago ebook gratuit - La ricorrenza fa memoria della tragedia mineraria di Marcinelle, in Belgio, avvenuta l’8 agosto 1956.

Senato, l'ultima di Roberto Calderoli imbarazza anche Ignazio La Russa

Roberto Calderoli - Singolare intervento dell'esponente leghista durante la discussione in aula sulla doppia preferenza in Puglia.

"Sora in Rosa" rimandata 2021 per evitare rischio assembramenti

flirt à chicago ebook gratuit - L'associazione Iniziativa Donne: «Forte è, e deve essere, il senso di responsabilità in ognuno di noi»

Ci ha lasciato Mons. Lorenzo Chiarinelli

Vescovo Lorenzo Chiarinelli - Fu Vescovo di Sora Aquino Pontecorvo dal 1983 al 1993.